Olio essenziale di Cipresso

L’OLIO DEL FLUSSO DEL MOVIMENTO

Mi sta arrivando questo olio, l’ho ordinato perché credo che la primavera sia il momento giusto per scoprirlo, le sue proprietà sono sicuramente legate a l’energia che si muove in questo periodo e che il medicina tradizionale cinese è associata all’elemento Legno.

Questo olio potente fa in modo che le energie stagnanti vengano rimesse in movimento, come i fiori sbocciano in primavera dopo lo stagnante inverno.

Lavora sia sul cuore che sulla mente, creando flessibilità.

Il cipresso insegna a lasciare andare il passato muovendosi con il flusso della vita ed è particolarmente indicato per chi è mentalmente o emozionalmente rigido, teso, bloccato o con tendenze al perfezionismo.

Questi aspetti vengono dalla paura e dal bisogno di controllo, per cui si cerca di forzare le cose invece che lasciarle accadere naturalmente.

Lasciando andare le paure ed il controllo permette di godere dell’emozione di essere vivi

Il cipresso invita a continuare a crescere e svilupparsi, mostra come fidarsi del flusso della vita.

Inalare o diffondere, oppure applicare 1-3 gocce sotto ai piedi o lungo la spina dorsale.

Il nome deriva probabilmente da ‘Cyprus‘, nome latino dell’isola di Cipro. La radice della parola potrebbe trovare la sua origine nell’ebraico ‘gofer‘, balsamo, per il contenuto di resine della pianta.

Altre fonti lo fanno derivare dalla mitologia greca.

Un figlio di Telefo di nome ‘Kyparissos‘ possedeva un cervo come compagno, regalatogli da Apollo, ma lo uccise incidentalmente con un dardo. Ne rimase tanto sconsolato che il dio trasformò il giovane in un cipresso.

Mi piace pensare che nonostante la sua associazione ai cimiteri, il termine latino “Sempervirens” significa sempre vivo o sempreverde, quindi qualcosa che rappresenta la continuità della vita.

Ogni pianta ha la sua personalità e anche guardandolo se ne comprende la spiritualità e lo sviluppo interiore, è un albero che si staglia dritto fino al cielo, può superare i 30 metri di altezza!

Ha foglie morbide e scure, e frutti tondeggianti marroni, che contengono i semi.

Anche se può essere usato solo per uso topico o aromatico, e non internamente, Cypress non ha meno benefici, vediamo per quali motivi può essere il momento di aggiungerlo alla nostra collezione.

Uso aromatico:

  • Promuove la vitalità e l’energia se usato in modo aromatico, nel diffusore o sui palmi delle mani a coppa.
  • Allevia i pensieri ansiosi. Per questo motivo, può aiutare durante la meditazione, quando c’è bisogno di trovare la pace.
  • Calma le emozioni. Si dice che il profumo di Cypress sia calmante per la mente e che attenui le emozioni, come la rabbia. Diffondere l’olio di cipresso dopo una giornata stressante può aiutare a ritrovare la serenità.
  • Favorisce le funzioni immunitarie e respiratorie.

Uso topico:

  • Utilizzare sulla pelle pre-allenamento, massaggiando diverse gocce di olio essenziale di Cipresso sui muscoli prima di un allenamento impegnativo, per aumentare l’energia.
  • Migliora l’aspetto della tua pelle. Viene spesso utilizzato nei centri benessere, nei massaggi al viso, per le sue proprietà riequilibranti per la pelle grassa, oltre che per le sue proprietà rilassanti.
  • Deodorante naturale La fragranza di Cypress è fresca, verde, simile al legno ed erbacea, indicata per saponi, deodoranti e come nota maschile in alcune colonie da uomo.
  • Favorisce la circolazione ed è spesso utilizzato nelle creme anticellulite, o nelle preparazioni per problemi alle vene.

Sta bene con oli di agrumi come Lime, Lemon e Wild Orange come profumazione, ma anche Bergamotto, Salvia sclarea, Frankincense e Lavanda sono anche ottime scelte.

Combatti le allergie con gli Olii essenziali

🌼🌼🌼🌼🌼🌼🌼🌼🌼🌼🌼🌼🌼🌼

Il corpo umano non reagisce sempre nello stesso modo davanti ad una specifica sostanza. Sembra anzi molto comune tra la popolazione che il sistema immunitario non tolleri la presenza di pollini nell’aria. Vediamo quali sono le cause, i sintomi e alcuni rimedi

Tra gli allergeni che attaccano con una maggior frequenza le vie respiratorie sono presenti i pollini, particelle di fiori che svolgono un ruolo fondamentale in natura, in quanto rendono possibile la riproduzione di piante e alberi.

Purtroppo però il sistema immunitario di molte persone (secondo le statistiche 4 su 10) vede come nemico il polline e scatena così nel corpo una serie di sintomi che possono durare per l’intera bella stagione a causa del rilascio di istamina nel corpo.

😪😪😪😪😪😪😪😪😪😪😪

Si parla quindi di allergie primaverili.Il polline scatena una serie di reazioni allergiche nell’organismo quando il sistema immunitario ha una soglia di sopportazione verso queste particelle inferiore rispetto alla norma.

Tra le più comuni risposte fisiologiche abbiamo la rinite allergica che interessa l’apparato respiratorio, e la congiuntivite, che attacca invece gli occhi.
Il corpo risponde all’allergene quando la presenza dello stesso è superiore ai 10-20 grani per metro cubo. Considerato che in alcuni mesi tale quantità arriva a essere anche 20 volte superiore a quella tollerata, non c’è da sorprendersi che gli attacchi siano veramente intensi.

I sintomi più comuni delle allergie primaverili
Quando l’allergene colpisce principalmente l’apparato respiratorio si parla di rinite allergica e sintomi allergici più comuni sono una difficoltà più o meno intensa a respirare.

La persona avrà attacchi ricorrenti di tosse e starnuti e il tutto potrebbe sfociare in crisi asmatica e e pericolo di soffocamento.

Quando la parte interessata è l’apparato oculare i sintomi sono arrossamento, prurito, lacrimazione e forte sensibilità se esposti a fonte luminosa intensa, sia naturale che artificiale. Alcuni soggetti particolarmente sensibili ai pollini potrebbero avere reazioni cutanee come gonfiori e arrossamenti

SOLUZIONI OLI ESSENZIALI DI PURO GRADO TERAPEUTICO

Mettere sul palmo delle mani in questo ordine, 1 goccia di Lavender, 1 goccia di Lemon, e 1 goccia di Pepper Mint e inalare. Il trattamento è efficace sia a scopo preventivo sia in caso di attacchi allergici.

In caso di allergia costante molto forte prendere due volte al giorno a stomaco pieno Triease Seasonal Blend capsule. Sono capsule con dentro Lavender, Lemon e Peppermint Mint.

Inoltre si può purificare l’aria in casa con 10 gocce di Purify nel diffusore. La sera diffondere 3 gocce di Lemon, 3 gocce di Lavender e 3 gocce di Pepper Mint in camera da letto.

Inoltre si può purificare l’aria in casa con 10 gocce di Purify nel diffusore. La sera diffondere 3 gocce di Lemon, 3 gocce di Lavender e 3 gocce di Pepper Mint in camera da letto.

Promozione Aprile

20180406_194235_0001.png

🌸🌸La primavera è il momento giusto per detossinare l’organismo e rimettersi in forma.👙

Il programma detox riattiva il metabolismo, drena i tessuti e migliora l’umore.

È per questo che ho pensato di aiutarti in questa impresa.

Come posso farlo?

Con l’aiuto dei massaggi e gli oli essenziali di Puro grado terapeutico

Dal 1al 14 Aprile voglio darti la possibilità di  sentire i benefici del programma detox con una promo speciale.

💆3 MASSAGGI DI DRENAGGIO PROFONDO
CON OLI ESSENZIALI DI PURO GRADO TERAPEUTICO
+
🌿1 MISCELA METABOLICA SLIM & SASSY DOTERRA
(Indicazioni nei commenti)

PREZZO PROMOZIONE 97€
Anziché 161.50€

💞💞L’offerta è acquistabile entro il 14 aprile e può essere effettuata fino a metà maggio.💞💞

☎️Chiamami per fermare l’offerta 3291294431 😉😉Cinzia

Cos’è un operatrice olistica? 

dav

L’operatrice olistica rientra nella categoria delle Discipline del Benessere e BioNaturali

Con questa definizione,si intendono le attività e le pratiche che, utilizzando tecniche naturali, energetiche, psicosomatiche, artistiche e culturali hanno come finalità il recupero e il mantenimento dello stato di benessere globale della persona per il miglioramento della sua qualità dl vita.

 

Le discipline bionaturali:

  • non hanno carattere di prestazioni sanitarie;

  • tendono a stimolare le risorse vitali dell’individuo attraverso metodi ed elementi naturali la cui efficacia sia stata verificata nei contesti culturali e geografici in cui le discipline sono sorte e si sono sviluppate;

  • non si prefiggono la cura di specifiche patologie;

  • non sono riconducibili alle attività di cura e riabilitazione fisica e psichica erogata dal servizio sanitario nazionale;

  • non sono riconducibili alle attività connesse a qualsiasi prescrizione di diete;

  • non interferiscono nel rapporto tra medici e pazienti;

  • si astengono dal ricorso all’uso dei farmaci;

  • non sono riconducibili alle attività disciplinate dalla Legge 1/1990 (disciplina dell’attività di estetista).

L’ operatrice in discipline del benessere e bionaturali è colei che, in possesso di adeguata formazione:
opera per favorire la piena e consapevole assunzione di responsabilità di ciascun individuo in relazione al proprio stile di vita;


  • opera per stimolare le risorse vitali della persona, intesa come entità globale e indivisibile;

  • non prescrive farmaci, educa a stili di vita salubri, ad abitudini alimentari sane ed alla maggiore consapevolezza dei propri comportamenti.

L’esercizio delle discipline bionaturali è libero e fondato sull’autonomia, sulle competenze e sull’indipendenza di giudizio intellettuale e tecnica, nel rispetto dei principi di buona fede, dell’affidamento del pubblico e della clientela, della correttezza, dell’ampliamento e della specializzazione dell’offerta dei servizi, della responsabilità del professionista. (Legge n.4 del 2013).

Cos’è e a cosa serve il Reiki

 

Il Reiki è un sistema di guarigione e di autoguarigione che secondo la tradizione fu ideato da Mikao Usui, nato in Giappone nel 1865. Nel Reiki l’imposizione delle mani serve a canalizzare le energie terapeutiche.  

REIKI è una parola giapponese composta da due sillabe REI e KIREI significa “Energia Vitale Universale” KI invece esprime “Energia che scorre nel Corpo” o “Forza Interiore”.


Come si svolge una seduta Reiki
L’operatore Reiki avvicina o appoggia le mani sul corpo del soggetto interessato, in modo che l’energia vitale universale possa fluire naturalmente nelle aree del corpo che più ne hanno bisogno. Per ricevere un trattamento Reiki non è necessario spogliarsi, vengono toccati delicatamente diversi punti del corpo, dalla testa alle gambe, focalizzandosi sui centri energetici del paziente stesso (chakra), e sui siti di dolore o disagio. A differenza di altri metodi, il Reiki non comporta l’utilizzo di pressione, massaggio, sfregamento o strumentazione. Il Reiki può essere praticato anche come auto-trattamento(self-help). È indicato soprattutto nelle professioni di aiuto, per chi lavora nei servizi sociosanitari, ed è utilissimo anche per prevenire fenomeni di burnout, mancanza di motivazione e stress da lavoro del personale infermieristico.
L’energia Reiki viene spesso confusa con la pranoterapia, ma c’è una netta distinzione da fare: la Pranoterapia si basa sul concetto che il corpo umano sia un campo energetico attraverso il quale scorre il prana o energia vitale allo scopo di eliminare i blocchi e far ricircolare l’energia vitale, per fare questo l’operatore cede la propria energia in eccesso.
Il Reikista, pur basandosi sullo stesso principio e sull’imposizione delle mani, non cede la propria energia, ma è un semplice canalizzatore dell’energia universaleIl Reiki, non è da considerarsi una cura, né tanto meno un farmaco; si diventa operatori in seguito a dei corsi teoricopratici, durante i quali oltre a conoscere i flussi energetici, il loro percorso e interdipendenza con gli organi e sistemi del corpo umano, ci si sottopone ad un profondo lavoro di consapevolezza che richiede un intenso stimolo all’evoluzione personale. Gli operatori sono semplici esseri umani con i loro problemi, le loro difficoltà che hanno scelto di occupare una parte del loro tempo nel dare sollievo, ad un altro essere umano. Alcune persone scelgono di diventare operatori Reiki perché avendo già attraversato il calvario della malattia, e riscontrato su di sé ottimi benefici dai trattamenti energetici, sentono una spinta interiore, un vero e proprio desiderio, di sollevare il prossimo per quanto possibile, dalla sofferenza. Tutti ricevono beneficio dai trattamenti Reiki, anche gli scettici, inoltre nessuno viene plagiato o sottoposto a strani riti o torture mentali. Il Reiki, come principio universale, non
infonde false speranze né professa religione alcuna, ma ne rispetta, di ognuna, l’essenza basata sull’Amore e sulla Fratellanza.

Il Reiki e la fisica quantistica

Secondo Albert Einstein, “tutta la materia del’Universo non è altro che energia solidificata, con una frequenza vibrazionale minore rispetto alla costante velocità della luce al quadrato”. Quindi l’energia e la materia si differenziano solamente per la loro frequenza vibratoria. Il corpo umano, nel suo aspetto materiale, non è altro che un agglomerato di frequenze vibrazionali, che interagiscono tra loro, attraverso delle reazioni biochimiche, attraverso l’interscambio di informazioni tra energie con frequenze diverse. 
Ogni massa fisica si distingue dalle altre per la struttura della sua frequenza energetica. Ad esempio avremo il Fegato con una sua frequenza vibrazionale, che raccoglie cellule di uguale frequenza, determinando la forma della sua stessa massa.
Lo stesso discorso vale per tutte le parti del nostro corpo quali: Ossa, Muscoli, Organi, Visceri, Fluidi. L’operatore Reiki seguendo il principio dell’influenza vibrazionale, riesce a riportare le frequenze del ricevente allo stato di benessere originario. Nel caso specifico del Reiki una delle principali leggi della Fisica Quantistica enuncia che: “una frequenza energetica maggiore, che entra in contatto con una frequenza energetica minore, influenza la condizione vibrazionale dell’energia più piccola”.

Il Reiki negli ospedali
Il Reiki affianca la terapia convenzionale in numerosi centri ospedalieri di tutto il mondo.
In USA:
• Tucson Medical Center (TMC) – Arizona. Dal 1995 si eseguono trattamenti Reiki ai pazienti nei loro letti, per opera di volontari. Il Reiki si è diffuso prima in Oncologia e poi gradualmente anche negli altri reparti.
• Portsmouth Regional Hospital – New Hampshire. Reiki offerto sistematicamente come servizio per i pazienti del reparto di Chirurgia dell’ospedale, da parte di 20 membri formati al Reiki. Più di 400 pazienti hanno ricevuto trattamenti pre o post operazione dal 1997 ad oggi.
• California Pacific Medical Center – North California. È uno dei più grandi ospedali della California. Al suo interno usa molte medicine complementari, tra cui Reiki.
In Svizzera:
• alcune assicurazioni e casse mutualistiche rimborsano i trattamenti di Reiki. Da citare Group Mutuel, Intras, Swica, La Caisse Vaudoise, Supra.
In Italia:
• il Reiki viene effettuato ai pazienti secondo tariffario del S.S.N. al Centro di Medicina Psicosomatica dell’Ospedale S. Carlo Borromeo di Milano, all’Ospedale Versilia dell’Azienda Sanitaria della Regione Toscana ed al Policlinico di Roma. Vi è da segnalare inoltre la significativa esperienza del C.O.E.S. (Centro Oncologico Ematologico Subalpino) dell’Azienda Ospedaliera San Giovanni Battista di Torino Ospedale Molinette.

 

Cupping viso

La Coppettazione facciale è un’ottima forma di trattamento non invasivo che può funzionare per ridurre al minimo gli effetti del sole, dei danni ambientali e dell’invecchiamento.

La Coppettazione facciale viene fatta usando le coppette personalizzate, specificamente progettate per i trattamenti sul fronte, sul collo e sul petto superiore. L’aspirazione inversa che viene applicata agisce delicatamente i tessuti facciali. Ciò provoca la massaggiatura del tessuto e per questo viene stimolata la circolazione del sangue e il drenaggio dei linfonodi. Di conseguenza, i tessuti ricevono un’ondata fresca di ossigeno e sostanze nutritive; gli scarti delle cellule e altre tossine dannose vengono invece eliminate.

Anche il liquido eccessivo viene drenato e i muscoli del viso si rilassano anche attraverso il movimento delle ventose.

Benefici di Bellezza della Coppettazione facciale

Gli effetti provocati dalla Coppettazione possono avere diversi vantaggi estetici che funzionano sia sulla pelle secca che su quella grassa. Ecco come:

  • Il drenaggio del fluido nelle ghiandole linfatiche produce un edema ridotto e un aspetto soffice.
  • Una migliore nutrizione portata sulla pelle aiuta a ridare un aspetto giovane alla pelle stessa. Tutti i prodotti di bellezza utilizzati dopo trattamento sono assorbiti meglio e sono più efficaci.
  • Il movimento di sollevamento riduce le linee sottili visibili, le rughe e le cicatrici presenti a causa di lesioni o acne. Inoltre, il tessuto connettivo sotto la pelle del viso è stimolato in modo da guarire e ridurre le rughe cosiddette “del sorriso”.
  • I movimenti massaggianti aiutano a rilassare i muscoli facciali tesi con la conseguenza di donare un aspetto più morbido e più giovane.



Vantaggi terapeutici della Coppettazione

La Coppettazione facciale è utile a pazienti affetti da una serie di disturbi legati alla zona del capo e del collo senza la necessità di trattamenti più estesi. 

Questi sono:

  • Sinusite
  • Mal di testa e emicranie
  • Paralisi facciale
  • Mal d’orecchi
  • Le condizioni in cui vi è dolore alla mascella o il movimento della mascella sono ostacolati, noto anche come TMJ